Il mio mondo di libri...

Sono stata a Macondo la prima volta quando avevo 13 anni a fianco del colonello Aureliano Buendia mentre suo padre gli faceva scoprire il ghiaccio, sono stata una serva accanto a Eva Luna, ho vissuto l'uccisione di Santiago Nasar,ho amato ai tempi del colera, eseguito autopsie al fianco di Kay Scarpetta mangiato le madeleine di Proust, ingoiato la punteggiatura con Joyce, amato, odiato, respirato i miei libri, ho vissuto qui e altrove........Non potrei vivere altrimenti senza una storia che mi allieti il sonno, senza l'odore della carta appena stampata, senza la gioia che mi assale quando trovo un libro in cui entrare.........E allo stesso tempo vivo davvero, non fraintendere, ma ho qualcosa in piu nella mia borsa, sul mio comodino, nella mia anima....

mercoledì, novembre 14, 2007

Joanne Harris - Le Scarpe rosse

Più riguardo a Le scarpe rosse


E' ritornato il vento e stavolta soffia su Montmartre e mi racconta dove sono finite Vianne Rocher e Anouk che avevo lasciato in partenza da Lansquenet qualche tempo fa.
A loro si è aggiunta Rosette, la figlia gatto. Le osservo ma l'aroma di cacao che permeava le pagine di Chocolat si è attenuato, tutto è un po' più spento.
Con il vento arriva anche Zozie, colorata,affascinante, misteriosa e forse anche pericolosa. E torna il profumo della cioccolata, torna la vita sferzata dal vento e la magia, quella del vapore di cioccolata ma anche quella delle anime belle...
Non riesco a smettere di leggere e quando a un'ora scandalosa della notte chiudo il libro sull'ultima pagina sento che è come partire per un lungo viaggio lasciando degli amici cari, sento la malinconia della fine e quando andrò a Montmartre non potrò fare a meno di cercare il Rocher de Montmartre e di osservare la folla in cerca di quei volti che nella mia mente sono ormai famigliari...

7 commenti:

  1. aranciozucca16/11/07, 10:25

    Ciao baxart...complimenti per il tuo blog...condivido con te questa passione per la lettura legata al cibo...i libri che scegli sono splendidi..

    RispondiElimina
  2. grazie aranciozucca, si potrebbe dire che sono loro che scelgono me!!!

    RispondiElimina
  3. aranciozucca16/11/07, 23:23

    sono sconvolta dalla nostra somiglianza...pure nei pensieri..è una storia lunga...spero un giorno di potertela raccontare...intanto grazie per avermi fatto conoscere anobìì...un mondo meraviglioso...

    RispondiElimina
  4. lieta di esserti stata utile!

    RispondiElimina
  5. Ciao!
    Anch'io non posso che sottoscrivere tutto quello che hai detto. Credo che questo sia uno di quei libri da etichettare come magici... t'incantano e non puoi fare altro che lasciarti sopraffare.

    P.S. complimenti per il blog, è molto carino!

    RispondiElimina
  6. Libro splendido...
    con parole che profumano di cioccolata e di una magia che incanta...

    ho finito di leggerlo da qualche giorno. splendido.
    passa da me, se ti va!

    RispondiElimina
  7. I sequel sono sempre difficili da apprezzare, soprattutto per chi è stato entusiasmato dall’originalità del primo libro, ma devo dire che questo l'ho trovato ben studiato e piacevole da leggere quanto il primo.

    Anche se inizialmente è stato deludente ritrovare il personaggio di Vianne Rocher svuotato dai suoi modi, ho però successivamente rivalutato la decisione di riportare Vianne alla normalità, e di valorizzarne le sue paure che alla fine sono quelle di tutte le persone normali ma che nel suo caso sono portate all’esasperazione, perchè alla fine per essere se stessa non può comportarsi normalmente.

    RispondiElimina